Notte di fuoco e di teppismo

Fiamme nella notte tra venerdì e sabato nel bar del circolo sportivo Mameli, la società che gestisce la piscina di Voltri, in piazza Villa Giusti. Ancora in corso di accertamento le cause dell'incendio che ha danneggiato parte dell'esercizio: si propende per l'ipotesi del corto circuito, ma i tecnici dei vigili del fuoco non escludono il dolo.
A dare l'allarme, secondo quanto hanno dichiarato gli inquirenti, sono stati alcuni abitanti della zona, che hanno visto del fumo uscire dalle finestre del bar. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri.
L'intervento dei vigili del fuoco di Multedo è scattato intorno alle 2.30 e sono state sufficienti alcune decine di minuti per spegnere il rogo che ha principalmente interessato una zona utilizzata per la preparazione dei panini e la conservazione degli alimenti.
L'incendio sembra essere scaturito da un angolo dove si trovavano due armadietti con all'interno grembiuli e rotoli di carta, e dove si trovava anche una scatola di derivazione elettrica. «Non ci sono segni di effrazione - spiegano dal circolo sportivo - e pensiamo ad un cortocircuito. Gli accertamenti comunque sono in corso».
Ma la notte di fuoco non si conclusa qui. Numerosi infatti gli interventi dei vigili del fuoco nelle stesse ore in varie parti della città anche per incendi di cassonetti: sarebbero almeno una ventina quelli bruciati. Gli incendi hanno toccato il capoluogo ligure da levante a ponente, da Sturla e San Martino al centro, a Pegli. A quanto pare ne sarebbero responsabili alcuni teppisti che nel loro raid notturno si sono lasciati dietro una scia di roghi.
La polizia sembra che abbia già un’idea sulla possibile identità dei piromani.