Notte in saldo Assalto ai negozi in Buenos Aires

Nell’ultimo giorno di svendite esercizi aperti fino a mezzanotte Sconti e promozioni saranno fissati dai commercianti

In Liguria lo chiamano «lo sbarassu». È una tradizione antica, di quelle che i commercianti hanno tramandato di generazione in generazione. Traduzione letterale: lo sbarazzo. Cioè un giorno speciale dove i negozianti svendono tutta la merce che è rimasta nei loro magazzini al termine della stagione estiva. E siccome tutto il mondo è paese, allora anche Milano ha deciso di copiare questa tradizione.
Data prescelta: la chiusura ufficiale dei saldi, il 4 settembre. Luogo dell’appuntamento: corso Buenos Aires. E anche se la grande arteria dello shopping milanese non offrirà lo stesso panorama del lungomare di Rapallo, gli organizzatori sono già convinti del successo dell’iniziativa.
«Martedì sarà una sorta di numero zero - chiarisce il presidente delle Associazioni di via, Giorgio Montingelli - un esperimento da piazzale Loreto a Porta Venezia». Una prova dunque, che la prossima stagione potrebbe essere replicata anche in altre zone della città. «Intanto partiamo da qui - continua Montingelli - perché l’idea è nata proprio durante uno dei consigli di AscoBaires (l’associazione di via dei commercianti del corso ndr), ma abbiamo già tante proposte per le prossime edizioni».
Gli amanti dello shopping, dunque, segnino bene in agenda: martedì sarà una giornata dedicata agli ultimi affari di stagione. I negozi, infatti, resteranno aperti fino a mezzanotte e i bar fino alle due. «Ma non pensiate che la strada si animerà solo la notte - chiarisce il presidente di Ascobaires Gabriel Meghnagi - sarà una festa lunga tutto un giorno». Alcuni negozi allestiranno un gazebo fuori dall’entrata, altri invece, organizzeranno la vendita all’interno. Modalità diverse con un unico obiettivo: far fuori tutto. Tutta la merce rimasta invenduta e accumulata nei magazzini che l’anno prossimo potrebbe diventare già démodé. «È impossibile riuscire a vendere sempre tutto - spiega Meghnagi - ma questa è una buona occasione per andare incontro ai clienti e “liberarsi“ degli ultimi prodotti».
Toccherà a ciascun negozio stabilire sconti e tariffe, ma è probabile che gli esercenti utilizzeranno la tecnica americana del «take off»: un super sconto per l’ultimo giorno dei saldi. Saldi che quest’anno a Milano hanno fatto registrare un aumento delle vendite pari al tre per cento. Sconti, che lo scorso 11 luglio sono cominciati con uno sprint iniziale: la notte dei saldi, appunto. «L’idea dei commercianti di Buenos Aires nasce proprio dal grande successo di quell’evento - spiega l’assessore alle Attività produttive Tiziana Maiolo -. In quell’occasione hanno incassato quasi come un sabato pomeriggio durante il periodo natalizio e quindi hanno pensato di organizzare un’iniziativa simile dove fare buoni affari sarà ancora più semplice».
Poco importa se per mettere il bikini nuovo bisognerà attendere le prossime vacanze, perché la prossima estate, ricordando la soddisfazione di averlo pagato il 70 per cento in meno, quel costume, ci piacerà ancora di più.