Di notte, in strada a cercare la mostra

Al suono delle trombe della prima «campagna» di funghi della stagione si apre il duetto Knowles&Mirra (UnimediaModern-Pinksummer): la prima li cucinava tra un evento Fluxus e l'altro quando la seconda doveva ancora nascere, ma entrambe tra natura e sperimentazione s'incontrano, alla IV edizione di «Start». Generazioni, media e linguaggi differenti si danno appuntamento all'opening delle 26 gallerie genovesi. L'obiettivo è portare tutti nelle strade per una serata evento, oggi dalle 18 alle 24. La scelta si sposa alle proposte di Villa Croce - videoarte tedesca in sede e «Del paese e altre storie» al Ducale - e Palazzo Spinola con «Il Servizio Minghetti per il duca di Montpensier». Ed ecco la prima inaugurazione della galleria Dac con Silvia Chiarini, Cristina Molinelli Jazz Trio a Sant'Agostino con Sergio Leta (Violabox), le immagini di «Collettivo 180» proiettate sul palazzo di Vision Quest per i trent'anni della Basaglia e la performance di Basilè da Guidi&Schoen. Splendidi «Su carta» di grandi maestri (Martini&Ronchetti), «Opere dal Novecento» (Guidi), il segno di De Chirico (Satura), Tilson (Cerruti Arte), Menegon (Studio Ghiglione), incisioni e lito (Il Grechetto) senza scordare la Liguria (Il Poliedro). E ancora, il trio Colombara-Pericolo-Cohal (Il Vicolo), Mambor (Joyce&co.), Ostapovici (Immaginecolore.com) e Oggiano (Rebecca Container), Marquis (Andrea Ciani), Canepa, Porta e Del Nero (Studio 44). Un «viaggio» nella pittura (Arte Studio), la Cina con Haiying (Ellequadro), le calligrafie della Biasetton (Basilisco), la ricerca di Caviglia (Il Punto), Paoletti (San Lorenzo al Ducale) e Ouzani (Trifoglio Nero) e Dall'Osso (Artrè) a comporre le tappe di quella che si annuncia, ancora una volta, una vera maratona.