Notte di tensione a Torino: rivolta nel Cie E i No Tav lanciano pietre contro la polizia

Nottata di tensione a Torino, dove gli immigrati accolti nel Centro di identificazione ed espulsione, incitati da una quindicina militanti anarchici, sono saliti sul tetto della mensa inneggiando alla libertà. <strong><a href="/cronache/i_no_tav_tornano_allassalto_pietre_contro_polizia/21-08-2011/articolo-id=541205-page=0-comments=1" target="_blank">Scontri in Val di Susa:</a> </strong>a
Giaglione i No Tav lanciano sassi contro la polizia; proteste anche a Chiomonte e nella zona della
centrale elettrica

Torino - Nottata di tensione a Torino, dove gli immigrati accolti nel Centro di identificazione ed espulsione sono saliti sul tetto della mensa, intonando slogan inneggianti alla libertà.

Immigrati sobillati dagli anarchici A incitarli una quindicina di militanti antirazzisti dell'area anarchica, che intorno alla mezzanotte si sono presentati all'esterno del complesso del Cie, delimitato da reti metalliche montate in cima alte mura, facendo esplodere alcuni petardi. Saliti su alcune panchine dell'area verde che si trova sul corso che costeggia il Cie, il gruppo ha urlato cori di solidarietà all'indirizzo degli immigrati presenti nella struttura.  

Arrestate due donne Due giovani, una di 25 e l'altra di 30 anni, sono state fermate per "istigazione alla disobbedienza delle leggi", "disturbo del riposo delle persone" e "accensioni ed esplosioni pericolose". La notte precedente, una rivolta di maggiori proporzioni si era verificata nella struttura, che si era conclusa con l'intervento delle forze dell'ordine. Secondo quanto riporta il sito di Macerie, un blog vicino agli anarchici che segue con attenzione le proteste nei Cie, erano stati bruciati alcuni materassi in diverse aree del centro e due immigrati erano rimasti feriti: un ragazzo che si era tagliato e un altro aveva tentato di impiccarsi. Ieri notte il gruppo di militanti era andato di fronte alla struttura proprio per manifestare solidarietà in seguito agli scontri della notte prima.