A Novara una gara insidiosa Doni non gioca, Tiribocchi sì

I riflettori della serie B non si spostano, restano puntati sull’Atalanta che domenica sera ha superato il Torino all’ultimo assalto, e questa sera è di scena sull’erba sintetica del «Piola» di Novara. Per i nerazzurri si prospetta un match delicato, ricco di insidie, non tanto per il fondo inconsueto, ma soprattutto per la forza dell’avversario, lanciatissimo e spinto dal vento dell’entusiasmo. L’allenatore atalantino ieri ha portato i suoi a Villa d’Almè (un paese alle porte di Bergamo) ad allenarsi su un campo in erba sintetica realizzato dalla stessa azienda che ha realizzato l’impianto della città piemontese: «Giocheremo su un terreno di gioco cui non siamo abituati, dovremo essere bravi ad adattarci. Ma soprattutto dovremo badare al Novara, un’ottima squadra. Se è lì avanti, al secondo posto della classifica, vuol dire che gli azzurri hanno qualità. Sono veloci e non danno punti di riferimento».
Rispetto al successo contro il Torino mancherà Doni, squalificato. Al suo posto dovrebbe giocare il giovane Bonaventura il cui impiego consentirebbe a Colantuono di mantenere intatto l’assetto della squadra con il centrocampo a rombo. C’è anche il dubbio che riguarda Barreto: il paraguayano ha accusato dolori alla schiena e ieri si è allenato a parte: dovesse rinunciare, è pronto Basha. In prima linea, certo l’impiego dal primo minuto di Tiribocchi (nella foto), il giustiziere del Torino, finalmente guarito dai problemi muscolari al gluteo; resta da vedere chi, fra Ruotolo e Ardemagni, lo affiancherà. Favorito sembra il primo anche perché l’ex Cittadella ha una caviglia dolorante e bisogna tener conto che sabato è in programma un altro turno di campionato.Quanto al Novara, squadra che vince non si tocca. L’undici che ha strabattuto il Portogruaro è confermato in blocco.
Così le squadre in campo.
Atalanta (4-3-1-2): Consigli; Raimondi, Troest, Peluso, Bellini; Barreto (Basha), Carmona, Padoin; Bonaventura; Ruopolo, Tiribocchi. Novara (4-3-1-2): Fontana; Morganella, Lisuzzo, Centurioni, Gemiti; Marianini, Porcari, Rigoni; Motta; Bertani, Gonzales. Arbitra Candussio di Cervignano del Friuli.