Nozze finte bloccate dai ghisa

Scoperto l’imbroglio di un egiziano e una romena

Per sottrarsi all'ordine di espulsione aveva pensato di sposarsi. E per non dare troppo nell’occhio, piuttosto che un’italiana voleva impalmare una giovane romena, che comunque gli avrebbe procurato la cittadinanza italiana. Ma al posto del celebrante sono arrivati i vigili, che nel frattempo avevano indagato sullo strano matrimonio. La sposa, 24 anni, era giunta in Italia solo da poche settimane, mentre lo sposo, 28enne egiziano e pregiudicato, nel nostro Paese ci stava da anni, anche se con un ordine di espulsione alle spalle.
Le nozze fasulle stavano per essere celebrate lunedì a Novate. Appuntamento in Comune alle 11, con tanto di testimoni e una quindicina di invitati. Tutte «comparse». Nei giorni precedenti però qualche impiegato comunale che stava predisponendo gli atti si era insospettito e aveva informato la polizia locale. I ghisa si sono convinti che fra i due il colpo di fulmine non c'è mai stato, e la certezza dell'imbroglio l'hanno avuta controllando i precedenti dell’egiziano, che grazie a quel «sì» non avrebbe più dovuto lasciare l'Italia. I mancati sposi sono stati denunciati.