Nozze segrete per Anna Oxa e il bodyguard

Dopo tante altre vip, anche la cantante cede al fascino della guardia del corpo

da Cantù (Como)

Raggiante come non mai. Vestita di nero con un foulard altrettanto nero a coprire pudicamente le spalle. Tacchi a spillo, non esageratamente alti. Occhiali delicatamente appoggiati sulla chioma nera. Da poco ha compiuto 45 anni ed è al suo quarto matrimonio.
Ma questa volta, contrariamente a quando si è sposata con il magnate kossovaro-ticinese Beghjiet Pacolli, niente sfarzosi pranzi in principesche ville. Solo una cerimonia davanti a un Sindaco e, soprattutto, in segreto, grazie al Tribunale di Como che le ha concesso di non fare le pubblicazioni come previsto dalla legge. Lui in abito nero, decisamente emozionato. Senza cravatta, camicia con colletto coreano. Originario della Puglia, 23 anni, ex guardia del corpo di lei. Una cerimonia semplice per un matrimonio civile martedì scorso alle 19.45 davanti al sindaco di Cantù, Tiziana Sala che, nonostante i testimoni oculari, nicchia sull’evento. I due «piccioncini» sono arrivati a bordo di un’auto nera con vetri oscurati, si sono infilati in municipio, hanno raggiunto la sala della giunta e si sono promessi eterno amore. Chissà se questa volta per la bella Anna è quella buona. Reduce da due disgraziati matrimoni, ora spera sia giunto il momento di dare soddisfazione vera ai suoi sentimenti. «Anna che non si lascia», si intitolava una delle sue prime canzoni. E, infatti, è sempre stata lei a fare le valigie. Lo ha fatto con il primo marito, Franco Ciani, nel ’97 con Gianni Bellemo (dei New Trolls) dopo aver avuto due figli (Francesca, 15 anni, Quazim di 11). Con quest’ultimo una rottura molto pesante trascinatasi anche nei corridoi di Tribunale con lui che prometteva: «Ti porterò via i figli». Non ci è riuscito. Loro le sono ancora accanto. Felici di esserlo. Anna ha fatto le valigie nel 2002, dopo due anni e mezzo di unione, per andarsene da Pacolli con cui aveva anche aperto in società un’etichetta discografica e si era trasferita a vivere sulle colline luganesi. Si sposò davanti a una folla nella piazza del municipio di Lugano. Il pranzo lo offrì a Villa Rizzoli di Canzo in perfetto stile albanese.
Due anni e mezzo dopo la rottura con l’uomo d’affari albanese, sembra per gli stessi motivi che portarono Anna a rompere con Gianni: rapporti troppo impetuosi, al limite del manesco, si dice. Chissà se stavolta la cantante a trovare in amore la fortuna che ha avuto con la musica. Come con il brano «Processo a me stessa». Escluso a Sanremo, un mese dopo il brano ha ottenuto il Disco d’Oro per le vendite.