Il nubifragio fa un morto a Latina e crea gravi disagi alla circolazione

I vigili del fuoco sono stati costretti a vari interventi. In azione anche i volontari della Protezione civile

Il caldo di queste ultime settimane non lasciava prevedere un nubifragio violento come quello di ieri. Diversi i disagi provocati in città e dintorni, centinaia le richieste di soccorso giunte ai vigili del fuoco. Le zone più colpite sono state l’Eur e il quartiere di Mostacciano, mentre in provincia hanno avuto la peggio Ardea, Anzio e Nettuno. Tragico invece l’episodio avvenuto a Borgo Le Ferriere, dove nella mattina si è abbattuto un fulmine facendo un morto e due feriti. I tre, tutti di nazionalità indiana, si trovavano all’esterno di uno dei capannoni dell’azienda ortofrutticola Zeppieri per la quale lavoravano. Sul posto sono arrivate tre ambulanze ma i tentativi di rianimare il giovane sono andati a vuoto. Singh Kulwant aveva 25 anni e risiedeva a Lavinio. Su di sé non aveva documenti e tuttora non si sa se fosse provvisto o no del permesso di soggiorno. L’altro suo connazionale è stato intubato sul posto dai sanitari del 118, mentre il terzo, ancora cosciente, è stato trasportato all’ospedale Goretti di Latina. Sull’episodio stanno indagando ora i carabinieri.
«Da ieri pomeriggio - ha reso noto un comunicato della Regione - la sala operativa della Protezione civile è in stato di allerta per affrontare le avverse condizioni meteorologiche». Le squadre di volontari sono intervenute con mezzi idrovori in quattro diverse occasioni: all’Eur, non lontano da viale dell’Oceano Pacifico, nel quartiere Tuscolano (dove un allagamento rischiava di mandare in tilt la fermata Giulio Agricola della linea A della metropolitana), in zona Tor San Lorenzo e a Fossignano in provincia di Latina. L’ondata di maltempo ha creato problemi soprattutto alla circolazione stradale. Via della Camilluccia è stata chiusa a causa di una voragine che si è aperta nel tratto che va da piazza Giochi Delfici a piazza Respighi. A piazzale XXV Marzo 1957, nei pressi del Palalottomatica, il livello dell’acqua ha provocato lo spegnimento di alcune auto e una fila lunga svariati chilometri si è formata in direzione di Pomezia. Poteva invece avere conseguenze ben più gravi la caduta di un albero in via Pontina Vecchia nei pressi della stazione dei carabinieri. Precipitando il tronco è andato a colpire un’auto in transito guidata da un 46enne. L’uomo, rimasto incastrato nell’abitacolo per diverso tempo, è stato soccorso dal 118 e trasportato in stato di choc all’ospedale Sant’Eugenio. Le sue condizioni non destano però preoccupazione.
«Malgrado vi sia stato un miglioramento delle condizioni meteorologiche - viene precisato nel comunicato diffuso dalla Regione - le previsioni parlano ancora di cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni diffuse e frequenti a carattere di rovescio o temporale. La Protezione civile regionale segue costantemente l’evolversi delle condizioni del tempo ed è pronta a intervenire in caso di richieste. Il numero verde della Sala operativa regionale è 803.555».
\FB\]