Nubifragio sulla città, Linate si ferma per un’ora

Matthias Pfaender

Scampato pericolo, il temporale è venuto e se ne è andato via, senza lasciarsi dietro danni eccessivi. Il vicesindaco e assessore alla Sicurezza con delega alla Protezione Civile Riccardo De Corato aveva allertato, nel corso della giornata, la Polizia Municipale, il Nuir (Nucleo di intervento rapido), l'Amsa e l’Atm, dopo che la Protezione civile della regione Lombardia aveva dichiarato a Milano lo stato di preallarme per rischio idrogeologico. Fortunatamente i vigili del fuoco non sono dovuti intervenire per casi gravi. La pioggia ha cominciato a cadere intorno alle 19.30, abbattendosi violentemente solo per le prime due ore. Alla fine, il conto dei danni è solo di qualche transenna ribaltata, di alcuni sottopassi temporaneamente allagati (via Mercante all’altezza dell’ingresso in tangenziale - via Lombroso - via Moretti nel quartiere Quarto Oggiaro), qualche cartello pubblicitario caduto, un paio di alberi in mezzo alla strada nella periferia est della città (in via Zama - via dei Missaglia), qualche scivolone tra gli scooteristi nel traffico della sera. Disagi più consistenti all’aeroporto cittadino di Linate: lo scalo è stato inibito per circa un’ora ai voli in arrivo e i decolli hanno subito ritardi medi di mezz’ora.