Numero uno il Pinot Nero di Mazzolino

L’Associazione Italia Sommeliers della Lombardia, aislombardia.it, sarà al Vinitaly grazie all’Ascovilo, associazione che raggruppa i consorzi del vino lombardo e che ha un suo spazio all’interno del padiglione dedicato ai Vini di Lombardia al secondo piano del PalaExpo.
L’Ais organizzerà e coordinerà un banco di assaggio dedicato alle eccellenze regionali così come sono emerse durante la compilazione dell’edizione 2008 della Guida Viniplus. Scopo dell’iniziativa è di permettere a un appassionato di degustare il meglio senza dover fare lunghi giri e code agli stand. I vini proposti saranno una cinquantina, quelli premiati lo scorso 8 marzo, evento che ha confermato come a livello Lombardia le zone più vocate sono l’Oltrepò Pavese, la Valtellina e la Franciacorta, questo grazie a produttori sensibili a un richiamo etico e qualitativo del loro impegno tra le vigne e in cantina, lo stesso imperativo che ha spinto il presidente dell’Ais, Luca Bandilari, a denunciare i viaggi che le cisterne piene di vino del Sud Italia compiono verso la Lombardia.
Tre vini su tutti a iniziare dal primo assoluto, il Pinot Nero Noir 2004 della Tenuta Mazzolino (Oltrepò Pavese): Secondo premio al Valtellina Superiore Corte di Cama 2005 di Mamete Prevostini e terzo alla Gran Cuvèe 2003 Bellavista (Franciacorta). Premio speciale Il Sano alla Casa Vinicola Aldo Rainoldi di Chiuro (Sondrio), nonché 8 menzioni speciali in Valtellina, 6 in Oltrepò Pavese, 5 in Franciacorta, 3 nella zona Garda, una in provincia di Bergamo e una in quella di Mantova.