Nuoto Test antidoping a sorpresa per Pellegrini e Filippi

L’Italia torna in vasca quest’oggi a Istanbul per gli Europei di nuoto in vasca corta. L’obiettivo è quello di ripetere l’exploit di un anno fa, quando a Fiume la nazionale italiana di nuoto vinse il medagliere. Dopo l’improvvisa scomparsa di Alberto Castagnetti, sarà la prima volta di Marco Bonifazi come coordinatore tecnico e di Stefano Morini responsabile del Centro Federale di Verona e allenatore della Pellegrini. Trentatré gli atleti convocati, presenti tutti i big - dalla Pellegrini alla Filippi, da Magnini a Colbertaldo, passando per l’eterno Max Rosolino, già 60 medaglie internazionali nella sua bacheca. Ieri, intanto, controllo antidoping a sorpresa per Di Tora, Lestingi, Magnini, Scarcella, Di Pietro, Filippi, Pellegrini e Orsi.
Un addio e una novità nei regolamenti tecnici. Sarà l’ultima esibizione dei supercostumi che tanto hanno fatto vincere e tanto hanno fatto discutere. Dal 2010, infatti, il vecchio «slippino» tornerà l’unico costume consentito. Gli atleti, infine, scatteranno dai blocchi di nuova generazione dotati di un sostegno verticale per appoggiare la pianta del piede.
Oggi alle 16, le prime finali, diretta RaiSportPiù.