La nuova dottrina Obama: "No solo primato militare, no a dipendenza petrolio"

L’amministrazione Usa lavora per resistere al protezionismo e promuovere la libertà di commercio, per tagliare la
dipendenza dal petrolio straniero e assicurare una crescita equilibrata e sostenibile<br />

Washington - Una nuova strategia di sicurezza nazionale basata sulla convinzione che la superiorità militare da sola non basti a mantenere la forza e l’influenza americana nel mondo è stata messa a punto dall’amministrazione Obama che la renderà formalmente pubblica oggi. Gli Stati Uniti devono dar vita ad istituzioni globali ed estendere la partnership internazionale estendendola oltre i loro alleati tradizionali.

La dottrina Obama Mantenere una leadership globale degli Stati Uniti dipenderà anche da una forte economia interna e da un impegno sui terreni della" educazione, dell’energia pulita, della scienza e della tecnologia e da un ridotto deficit federale", ha reso noto la Casa Bianca nel sintetizzare i punti salienti del documento. La nuova dottrina rappresenta una netta rottura con l’appoccio militare unilaterale difeso dall’amministrazione Bush dopo gli attacchi dell’11 settembre. "Se il vantaggio militare resterà un fondamento della nostra difesa nazionale ed un’ancora per la sicurezza globale", con la nuova strategia si invoca però "una nuova partnership con centri di influenza emergenti" e una "spinta a favore di quelle istituzioni maggiormente capaci di raccogliere le sfide del futuro".