La nuova edilizia popolare anche con fondi privati

Più case per tutti: il governo, con la manovra triennale, ha avviato un piano per risolvere l’emergenza abitativa delle fasce sociali più deboli. Si favorirà il riscatto degli immobili di edilizia popolare da parte dei legittimi inquilini e la loro cessione alle famiglie a basso reddito, alle giovani coppie e alle altre categorie svantaggiate. Gli aiuti saranno estesi anche agli immigrati regolari a basso reddito. La vera innovazione, però, consiste nel coinvolgimento dei privati. Il piano prevede la costituzione di società e fondi immobiliari per l’acquisizione e la realizzazione di nuove case. I Comuni potranno varare piccole «leggi Obiettivo» concedendo agevolazioni alle imprese che realizzino investimenti purché una quota non inferiore al 60% sia dedicata al social housing.