Una nuova era per Forza Italia Antoniozzi: più giovani e donne

Presentati i candidati nei 19 municipi. Ventucci: «Un impegno particolare per le periferie romane»

Rita Smordoni

Azzurri da ieri in prima linea per le elezioni amministrative di Roma. Alla Sala Capranica in piazza Capranica sono stati presentati i candidati di Forza Italia iscritti nelle liste dei 19 municipi. Uomini, donne, anziani, giovani, casalinghe, professionisti, insegnanti: 475 persone che da oggi vestono ufficialmente i panni del candidato. Alla presentazione, convocata dal coordinatore romano Giampaolo Sodano, hanno preso parte il Coordinatore regionale Beatrice Lorenzin, il responsabile della campagna elettorale Giorgio Simeoni, il sottosegretario Cosimo Ventucci e il candidato sindaco per Roma Alfredo Antoniozzi. «Abbiamo completato le liste per i Municipi prima di tutti gli altri partiti - afferma Sodano -. I nomi sono nati dalle assemblee che ho personalmente tenuto nei 19 i municipi a partire da ottobre. Cambierà la geografia interna del partito, con un grande processo di rinnovamento. I nostri candidati consiglieri sono all’80 per cento nomi nuovi, con largo spazio ai giovani ed alle donne».
Con questo rinnovamento Forza Italia da movimento diventa partito? «Non c’è dubbio» assicura Sodano. Dopo il 9 aprile si faranno i nomi dei candidati minisindaco. Quali municipi chiede per sé Forza Italia? «Puntiamo a confermare il II, il XII e il XIII, municipi che hanno un elettorato saldo e tradizionalmente legato al nostro partito. Bordoni, a quanto so, si candida al Comune. Quindi, come minisindaci - dice il coordinatore - candideremo tutti nomi nuovi. Nel II, in particolare, dopo l’inattesa sconfitta alle Provinciali con la Melandri, ci siamo molto rinforzati già alle ultime Regionali. Ora i sondaggi ci danno alla pari, ma dovremmo spuntarla. Negli altri due siamo leggermente sotto, ma in piena rimonta».
Per Ventucci, Veltroni vuol trasformare in alveari di cemento tutte le periferie di Roma: «A Tor Bella Monaca, ad esempio - spiega il sottosegretario - vogliono colare altri 12 milioni di metri cubi di cemento, fra i residenti c’è tensione. Molti abitanti delle periferie stanno ingrossando le fila di Forza Italia candidandosi nelle liste locali».
Nomi a caso, in sala, fra i neocandidati: Romana Amato, Fulvio Cappello, Francesco Durantini, VIII Municipio, tutti e tre insegnanti, a smentire la presunta frattura fra docenti e ministro Moratti; Antonio Greco, XX, colonnello dell’esercito; Maria Rosaria Rossi, X, imprenditrice. Con gli azzurri si candida nel II un volto noto: Giuseppe Lucà, commerciante, presidente del Comitato per via Nizza Viva. Nel II altri nomi nuovi sono Alessandro Colorio, Antonio Martire e Christian Martelli. Nel VII si prepara ad affrontare gli elettori per la prima volta Giuliana Panetti, 50 anni, presidente di un club azzurro da oltre dieci anni. Nel III, un’altra insegnante, Silvia Roma. Fabrizio Sequi, consigliere in I Municipio: «Puntiamo a confermarci primo partito in centro storico». «Tutti i candidati di Forza Italia mostrano entusiasmo al di sopra di ogni aspettativa - rileva Antoniozzi -. E voglio ribadire come centinaia di altri militanti avrebbero voluto partecipare a questo grande appuntamento. Quella riunita è una grande squadra, piena di passione, al servizio della città di Roma».