Nuova laurea per manager dell’arte

A ottobre via all’indirizzo specialistico. In progetto anche una radio sul web

Una nuova laurea magistrale (un +2) per formare critici d’arte, galleristi o direttori di museo, «settori dove c’è richiesta di giovani con una preparazione specifica». E il progetto, da realizzare per la Provincia, di una radio via internet per Comuni e cittadini. Così lo Iulm, l’università di lingue e comunicazione di via Carlo Bo, si prepara al prossimo anno accademico. «Siamo un ateneo di nicchia e la nostra forza - spiega il rettore, Giovanni Puglisi - è adattare l’offerta formativa alle esigenze del mercato del lavoro».
Le imprese sembrano «gradire». L’ateneo ha commissionato alla società di ricerca Makno un’indagine sui laureati nel 2004. «Oggi l’85% lavora contro una media nazionale del 53 - precisa Mario Abis di Makno -. E ci sono altri dati incoraggianti: i laureati dello Iulm trovano un impiego in media in 5-6 mesi, per 9 su 10 il posto arriva entro l’anno». Le note dolenti riguardano i contratti (il 57 per cento è a termine o «a progetto», uno su 5 è a tempo definitivo) e la remunerazione (la maggioranza guadagna 1.100 euro lordi al mese). «Ma queste cose dipendono dal mercato del lavoro - aggiunge l’esperto -. I cento ragazzi intervistati (metà dei laureati nel 2004) fanno quasi tutti un lavoro coerente con la laurea. E in complesso danno un voto positivo allo Iulm: 7,3».
Le lauree con la quota maggiore di occupati sono quelle che guardano alle imprese (Consumi, distribuzione commerciale e comunicazione d’impresa) e ai beni culturali (Strategie, gestione, comunicazione di beni ed eventi culturali). È in questo settore che l’ateneo dà il via al nuovo +2 in Arti, patrimoni e mercati che consentirà agli studenti «di gestire il rapporto tra arte e mercato in tutte le fasi, dal giudizio critico agli aspetti economici e di comunicazione». «E stiamo reclutando docenti di primo piano» aggiunge Puglisi. Il corso è a numero chiuso (100 posti) «perché queste sono le richieste del mercato».
C’è infine l’orientamento. L’ateneo dal 12 al 16 giugno aprirà le porte agli studenti di quarta superiore. E domani è in programma invece l’open day: dalle 9,30 saranno presentati corsi e servizi.
Alle aspiranti matricole che vorrebbero trasferirsi a Milano è dedicata l’iniziativa dell’associazione MeglioMilano e del Politecnico. Entro l’autunno verrà lanciato un portale internet con notizie su alloggi, città e atenei.