Una nuova lega per la spirale del futuro in partnership

L'obiettivo assoluto dell'orologeria moderna, in particolare, a partire dal XVIII secolo, con l'affermazione definitiva dell'orologio portatile, è stata la ricerca della massima precisione.

Lo Swatch Group, nel rispetto dei principi di Abraham-Louis Breguet, fondatore del marchio top del Gruppo, continua a elevare sempre di più l'asticella dell'agognata precisione, in abbinamento all'innovazione. Lo scorso agosto il Gruppo Orologiero leader a livello mondiale, ha presentato una nuova spirale del bilanciere - una componente chiave nei movimenti meccanici - con caratteristiche paramagnetiche eccezionali. Il Gruppo guidato da Nick Hayek Jr (in foto), ha sviluppato, in collaborazione con Audemars Piguet, una nuova lega di compensazione non magnetica chiamata Nivachron, per questa rivoluzionaria spirale. Con la sua composizione complessa, la lega è stata elaborata allo scopo di ottimizzare la resistenza dei movimenti degli orologi ai campi magnetici. La spirale Nivachron offre numerosi vantaggi. Permette una notevole riduzione dell'influenza dell'effetto residuale di un campo magnetico sulla marcia di un orologio (riduzione di un fattore da 10 a 20, a seconda del calibro). La suddetta spirale, di fabbricazione svizzera, è realizzata con una base di titanio, è molto efficace contro le variazioni di temperatura che si verificano in condizioni «d'indosso» e, inoltre, presenta un'eccellente resistenza agli urti: vantaggi che si traducono in un significativo miglioramento delle prestazioni cronometriche. Ricordiamo che i campi magnetici, molto diffusi nel nostro ambiente, incidono in modo grave sui movimenti meccanici degli orologi: ne influenzano il funzionamento, e possono persino, in alcuni casi, fermarli completamente. Di tutte le componenti dell'orologio, la spirale è sicuramente una delle più critiche. Swatch Group, in collaborazione con il Centro Svizzero di Elettronica e Microtecnologia (CSEM) ha già fatto passi gigante nell'evoluzione della spirale grazie all'introduzione del silicio.

FRin