Nuova maglia per la Lazio, sorpresa per il derby

Lo stadio ancora non è riuscito a costruirlo sulla spianata di Valmontone. In compenso Claudio Lotito, gestore della Società sportiva Lazio, è riuscito a radunare un nugolo di tifosi (1500 all’incirca) all’outlet «Fashion District». L’occasione gli è stata data dalla presentazione ufficiale della maglia che i biancocelesti indosseranno nella stagione che sta per cominciare: lì, sotto la canicola, all’interno del negozio ufficiale (chiuso, per ragioni di sicurezza) della casa d’abbigliamento sportivo, è stata mostrata la nuova divisa che, per la cronaca, andrebbe considerata già «datata» visto che alcuni siti internet avevano dribblato il top-secret offrendo le immagini ancor prima che scoccasse il d-day.
Presenti alcuni giocatori (i neo acquisti Zarate e Carrizo, Siviglia e Dabo, oltre all’allenatore Delio Rossi) i «fanatici» laziali hanno intravisto la muta 2008/2009, mentre il responsabile delle comunicazioni esterne Furio Focolari presentava la mattinata e l’ad Puma, Andrea Rogg, spiegava le caratteristiche della nuova maglia che, in occasione del derby, sarà diversificata proprio per onorare al meglio la stracittadina con i giallorossi. C’è stata un po’ di delusione per i fan, che sono riusciti appena a intravedere i propri beniamini, e qualche sbavatura da parte del cerimoniale, ma in ogni caso la mattinata di Valmontone è tornata utile per amplificare le iniziative del signor Claudio. Che, da buon deus ex machina, ha parlato alla sua gente dribblando i canonici fischi (che, per la verità, ci sono stati: ma all’indirizzo dell’ex cronista Rai Focolari) e impostando il dialogo sul futuro: «L’importante è fare in modo che la squadra si esprima al massimo delle sue potenzialità, che ci sono tutte: penso che Rossi possa lavorare con serenità e avendo a disposizione un organico competitivo».