Nuova rete informatica al Cba

È ufficiosamente in funzione da mercoledì, ma ufficialmente lo sarà solo a partire dal 14 giugno, la nuova rete informatica di ultimissima generazione realizzata all'interno del Centro di Biotecnologie Avanzate di Genova, presieduto dal dottor Paolo Rolleri.
La nuova rete è in grado di viaggiare alla velocità di 1000 megabit all'interno del Centro e di 10 megabit all'esterno ed è stata ultimata e resa funzionante nell'arco temporale di 29 giorni, in anticipo sui tempi previsti. L'intera Torre D, dove ha sede il CBA, si trova quindi ora capillarmente percorsa da una rete telematica, della potenza di un gigabit, con dorsali in fibra ottica che, come spiega il Sovrintendente al Servizio Informatico del CBA, Andrea Gentili, «va ad ampliare notevolmente le possibilità del CBA sia dal punto di vista comunicativo che scientifico. Infatti, grazie a questa nuova velocissima rete, il CBA potrà dialogare con l'esterno in tempo reale anche con videoconferenze e riunioni, ma non solo. Anche le attività di ricerca e di studio medico scientifico ne gioveranno considerevolmente».
All'interno del CBA sono stati inoltre sistemati 300 punti dati, ossia 300 possibili punti di attacco per altrettanti computers.