Nuova rissa a Campo de’ Fiori Lobefaro chiede: basta bottiglie

Sarà anche blindata, ma piazza Campo de’ Fiori continua nelle notti della movida romana a essere teatro di violenze e risse. L’ultima ha coinvolto la notte tra mercoledì e ieri una comitiva di turisti americani e ha mandato all’ospedale un giovane per un profondo taglio alla testa. Allertati da una telefonata al 112 sono intervenuti i carabinieri che hanno denunciato 9 persone.
A scaldare gli animi sembra siamo stati gli apprezzamenti un po’ pesanti che sarebbero stati rivolti alle ragazze del gruppo di turisti, poi l’alcol avrebbe fatto il resto. Tra le nove persone denunciate, sette sono italiane e due americane. All’arrivo dei militari, i giovani hanno smesso di picchiarsi, ma hanno comunque continuato a spintonarsi e minacciarsi. A quel punto i carabinieri, notato l’evidente stato di ebbrezza e le vistose ecchimosi, che presentavano alcuni di loro, hanno chiesto l’ausilio di altri equipaggi. I giovani sono stati identificati e denunciati in stato di libertà con l’accusa di rissa aggravata. Per uno di loro, che presentava un taglio profondo alla testa, è stato necessario il trasporto in ambulanza presso l’ospedale Santo Spirito dove è stato ricoverato in osservazione.
Un episodio che spinge il presidente del I municipio a chiedere misure drastiche: «Via subito le bottiglie da Campo de’ Fiori», è l’appello rivolto al prefetto Achille Serra da Giuseppe Lobefaro. «Nell’ultimo incontro con il prefetto su Campo de’ Fiori - ha proseguito il presidente del municipio del centro storico - lo scorso venerdì, era stato deciso che, se le intemperanze fossero continuate, sarebbe stata nuovamente emanata l’ordinanza che vieta il vetro. Si dia seguito , quindi a quella volontà perché è ormai chiaro che non basta solo rafforzare la presenza delle forze dell’ordine, cosa che sta avvenendo puntualmente in una piazza dove ormai si manifesta un disagio giovanile, che ripropone le stesse logiche delle bande da stadio».