La nuova sfida: frigo vuoto, pancia piena

Boom di siti con le ricette per cucinare con pochissimi ingredienti. Nelle metropoli per single e manager fare la spesa è un optional. E adesso
anche la Cuccarini apre un blog

Siete alla frutta? In frigo cioè vi sono rimasti un limone, un po’ di latte e mezzo barattolo di salsa di pomodoro? Niente paura, non siete soli. Sulla scia delle ricette «cotte e mangiate» è nato il movimento in soccorso di quelli con il frigorifero sempre vuoto. Single incalliti ma non solo. Hanno la moglie in vacanza, sono appena tornati dalle ferie e hanno trovato chiuso il negozio sotto casa. Oppure non sono mai partiti e sono più indaffarati che mai. In comune, un elettrodomestico che è dura definite «mezzo pieno» e una cena da improvvisare. Nell’emergenza la soluzione è unire le forze, online. La community internettiana infatti è disseminata di blog, siti e gruppi su Facebook che forniscono le dritte giuste per cucinare con pochi, pochissimi, ingredienti.

Lorella Cuccarini ha appena aperto un blog in collaborazione con Coca Cola che si chiama «Ilfrigoriferosemivuoto.it». Suggerisce le ricette classiche per correre ai ripari, che si possono stampare e conservare. Ci sono le penne alle zucchine, le polpette al sugo, gli involtini di melanzane. La più amata dagli italiani, diventata popolare proprio in una celebre cucina, racconta anche di sé, delle proprie invenzioni ai fornelli e chiede ai lettori di mandare idee e fotografie. «Il blog - spiega la presentatrice - è dedicato a tutti coloro che, come me, amano la cucina e ritengono ancora importante valorizzare i momenti di felicità intorno alla tavola. È stato pensato principalmente per le donne che il giovedì si ritrovano ad aprire il frigorifero, indecise su cosa mettere in tavola, e hanno davanti solo pochi ingredienti a disposizione. Che fare quindi? Improvvisare con quello che si ha. Un frigo meno affollato ci spinge a mettere più creatività nelle proposte». Un pasto semplice non vuol dire meno gustoso, aggiunge Lorella: «Darò suggerimenti su come improvvisare una cena in famiglia o un pranzo con amici e colleghi, con pochi ingredienti ma tanti sorrisi. Anche una fetta di pane scaldato con l’olio può darci o ricordarci un momento di serenità».
Quando il frigo è talmente sfornito che fa eco e passare al supermercato è un lusso, bisogna rovesciare la prospettiva. Non partire dalla ricetta e cercare gli ingredienti, ma fare la conta degli alimenti a portata di mano e inventarsi un piatto appetibile. Che può essere anche appetitoso. Bastano quattro ingredienti, ad esempio (spaghetti, pecorino o cacio, pepe, olio), per mettere in tavola un evergreen come gli spaghetti cacio e pepe.

Se a mancare non è solo la materia prima ma anche la fantasia, «Supercook.com» è perfetto. È un motore di ricerca (in inglese) molto amato dagli internauti, che diventa pure una «app» da scaricare sullo smartphone. Si inserisce tutto quello che di commestibile si ha in casa e spuntano le combinazioni possibili. Incredibile quante cose si possano fare con una triste mela e un pezzetto di formaggio. Digitando un ingrediente, Super cook ne suggerisce altri che sarebbe bene aggiungere. Altrimenti trova le ricette fattibili per le quali è sufficiente chiedere un prestito al vicino. Qualche esempio: se al pezzo di salmone che c’è in frigo si aggiunge l’olio, manca solo un po’ di basilico per cucinare un «salmone con olio al basilico», mentre con carote, un po’ di miele e burro si possono fare le «carote arrosto con miele». «Ricette per cucinare.com» utilizza un sistema molto simile. La pagina per la ricerca delle ricette chiede di inserire cinque ingredienti, riempiendo tutte le caselle vengono fuori fino a 50 soluzioni diverse. Capita però che digitando «limone», «latte» e «salsa di pomodoro», il sito risponda picche. Per fortuna in alto a sinistra c’è la voce «Ristoranti».