La nuova stagione al via con il concerto degli «High Five»

Dopo un restyling durato quasi due mesi La Palma Fandango di via Mirri (Portonaccio) riapre i battenti. Una riapertura in puro ritmo jazz. Una «due giorni» che inizia questa sera con il concerto (a ingresso gratuito) degli High Five, il gruppo formato dai migliori giovani musicisti jazz del momento, Fabrizio Bosso, Pietro Ciancaglini, Daniele Scannapieco, Lorenzo Tucci e Luca Mannutza. Domani sera sarà invece la volta del quartetto del batterista Ari Hoenig, già al fianco di Joe Lovano, Gerry Mulligan, Pat Metheny, Dave Holland, Wynton Marsalis, apprezzato per l’innovazione e la completezza del suo drumming. Marco De Persio, direttore artistico del rinomato club romano, ripropone le sezioni che tanto successo hanno riscosso tra il pubblico lo scorso anno e quest’estate con il Fandango Jazz Festival: \ZONE, ovvero tutto il meglio del jazz mondiale, «Jazzità» la rassegna ad ingresso gratuito di jazz nostrano, La Palma d’Autore e infine Arte \ per la sezione riservata alle contaminazioni e alle sperimentazioni. Non mancherà inoltre il consueto appuntamento del sabato sera con «Re:life», con i dj’s set, l’elettronica, il soul, il nu-jazz, insomma con la mobilità, il dinamismo e la libertà di espressione, che si incontrano in una continua sfida alla banalità. Nel corso di dicembre è prevista una serie di appuntamenti prestigiosi. Citiamo soltanto la presentazione del nuovo cd di Paolo Fresu, pubblicato dalla prestigiosa Blue Note.