Nuove accuse Usa alla Siria

Il portavoce del Dipartimento di stato Usa ha accusato la Siria di fomentare disordini non solo in Irak (permettendo a combattenti stranieri di infiltrarsi in quel Paese), ma anche in Libano e tra i palestinesi. In un intervento, Adam Ereli, ha rilevato che «la Siria, sempre di più, è percepita come un Paese destabilizzante in quella regione». Ed ha aggiunto che ciò si verifica «non solo per quanto riguarda l'Irak, ma anche il Libano e per l'Autorità palestinese», dal momento che «c'è una relazione tra la Siria, il terrorismo e il caos in ciascuna di queste aree». Dal canto suo, il governo siriano insiste affermando di fare il possibile per combattere il terrorismo.