Nuove regole per i controlli della Finanza chi sgarra compie un illecito disciplinare

Controllare sì, ma vessare proprio no. Se i controlli fiscali opprimono l’impresa scatta l’illecito diciplinare per il dipendente pubblico che ha esagerato. D’ora in poi la pubblica amministrazione dovrà rispettare alcune chiare regole: il controllo dovrà essere unificato, avere cadenza semestrale e una durata massima di 15 giorni, la Guardia di finanza dovrà operare in borghese. Dalla nuova normativa saranno però esclusi i controlli sulla sicurezza sul lavoro, la salute, la giustizia. Il coordinamento dei controlli a livello locale (Regioni, Comuni, Province) sarà affidato allo Sportello unico per le attività produttive. Dove lo sportello non esistesse, il compito spetterà alla Camera di commercio.