«Le nuove regole si applicheranno al settore pubblico»

La Cisl sfida Brunetta e il ministro risponde. La riforma della contrattazione nel privato, o almeno le linee guida tratteggiate da Confindustria, Cisl e Uil hanno avuto eco immediata anche nel campo del lavoro pubblico. Il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni ha sfidato Renato Brunetta «ad adottare integralmente per la riforma della pubblica amministrazione e il rinnovo contrattuale il modello privato, con annessi aumenti salariali». Brunetta ha approfittato della sfida e si è detto «favorevole all’allargamento della trattativa sul nuovo modello contrattuale anche al settore pubblico, tenendo comunque conto delle sue peculiarità e specificità normative». Nessun passo indietro, invece, per quanto riguarda le risorse per il rinnovo dei contratti sul quale i sindacati hanno già proclamato una mobilitazione. La riforma e il rinnovo si faranno «Fermo restando quanto previsto e stanziato dalla legge finanziaria 2009».