Nuovi indagati per il caso Calvi

Si allunga la lista delle persone indagate per concorso in omicidio in relazione alla morte di Roberto Calvi, il banchiere ex presidente del Banco Ambrosiano trovato impiccato a Londra sotto il ponte dei Frati Neri, nel giugno del 1982. Rimane segreto il numero e i nomi dei nuovi indagati, mentre si è appreso che il 4 luglio scorso Licio Gelli, già indagato in un fascicolo stralcio dell'inchiesta principale, sentito in Procura avrebbe riferito di una pista polacca su cui indagare per districare il mistero. Intanto è stata fissata per il 28 settembre l'udienza preliminare davanti al gup Bruno Azzolini che dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio di Silvano Vittor, accusato di concorso nell'omicidio di Calvi, formulata dai pm Luca Tescaroli e Maria Monteleone.
Silvano Vittor, ex contrabbandiere triestino, originariamente testimone del delitto, è considerato dall'accusa l' uomo che per conto di Flavio Carboni controllò l'allora presidente del Banco Ambrosiano durante il suo soggiorno londinese, e che concorse nell'omicidio. Il suo nominativo va ad aggiungersi a quello dell'ex cassiere della mafia Pippo Calò, dello stesso Carboni, dell'ex convivente di quest'ultimo Manuela Kleinszig e dell'ex boss della banda della Magliana Ernesto Diotallevi (tutti già rinviati a giudizio) tra i presunti responsabili del delitto.