Nuovi investimenti per 400 milioni

Tenaris

Tenaris, la multinazionale attiva nella produzione di tubi senza saldatura, che in Italia controlla Dalmine, ha chiuso il primo semestre 2005 con un utile netto di 578 milioni di dollari (contro 785 milioni del 2004), attraverso la realizzazione di ricavi per 3,2 miliardi; il Gruppo mantiene una posizione debitoria di 714 milioni e ha un programma di investimenti, per il solo 2006, di 400 milioni di dollari. Per quanto riguarda Dalmine, il presidente di Tenaris, Paolo Rocca, ha sottolineato la sua importanza strategica nel Vecchio continente anche se, per ora, «non c’è nulla sul tavolo delle trattative». Rocca ha però sottolineato che «qualsiasi acquisizione viene guardata per i risultati ottenibili sul medio-lungo termine, e che l’interesse del gruppo è di essere vicini ai campi di produzione.» A questo riguardo il presidente di Tenaris ha confermato che il Medio Oriente è sicuramente molto importante per lo sviluppo futuro del gruppo.