Nuovi massimi per Indesit

Chiusura piatta anche a Piazza Affari, con i principali indici che subiscono lievi limature, mentre il Midex (più 0,01%) e l’AllStars (più 0,63%) contrastano la tendenza prevalente, ma indicano come attualmente le blue chip si trovino in fase di stallo. Si mantiene stabile invece il volume complessivo degli scambi, anche ieri indicato in 5,1 miliardi di controvalore. Sempre in secondo piano i bancari, con la big Intesa Sanpaolo in calo dell’1%, mentre affonda Popolare Milano (meno 1,6%), dopo il non riuscito tentativo di merger con Bper. Limati gli assicurativi, con Alleanza che vede allontanarsi l’ipotesi della distribuzione di capitale eccedente; ma realizzate anche Unipol e Fonsai che arretrano di oltre mezzo punto percentuale. Basi più stabili per gli energetici, con Erg che balza del 3,4%, ed Enel (più 0,35%), mentre tra le utilities si rafforza ulteriormente Asm Brescia, ma cala dello 0,5% Aem Milano. Cresce ancora Parmalat (più 1,7%), in attesa di novità su accordi di transazioni extragiudiziali, mentre nel Midex svetta Indesit (più 3,18%), dopo una performance altrettanto buona nei giorni scorsi. Balzo di Interpump (più 6%), all’annuncio della acquisizione della americana Nlb.