Nuovo appello di Zawahiri ma è un video riciclato

Bagdad. Confusione e interrogativi ieri dopo l’apparizione di un video su un sito abitualmente usato da estremisti islamici, nel quale il numero due di Al Qaida, Ayman al-Zawahiri, afferma che Osama Bin Laden è ancora vivo, ed è lui a guidare la guerra santa contro l’Occidente. Il video - un’intervista fatta da un interlocutore fuori campo al chirurgo egiziano - sembrava essere la prima conferma, da un anno a questa parte, dell’esistenza in vita del capo di Al Qaida. Qualche ora dopo, però, Al Jazeera si è corretta, affermando che il video non è nuovo, ma è lo stesso mandato in onda il 19 settembre scorso, e registrato in occasione del quarto anniversario degli attacchi dell’11 settembre. «Al Qaida, grazie a Dio, è sempre il fondamento per la guerra santa. E il suo principe, lo sheick Osama Bin Laden, Dio lo protegga, sta ancora guidando la jihad», afferma Al Zawahiri. Bin Laden, aggiunge, non è stato catturato dagli americani perché «Dio lo protegge» e perché i musulmani « hanno aperto i loro cuori e le loro case ai mujaheddin. Li accolgono e li proteggono a qualunque rischio».