Il nuovo approdo per grandi yacht

Potrà ospitare oltre 200 grandi imbarcazioni, di 25-30 metri, e porterà a 100mila metri quadrati la superficie complessiva dello specchio acqueo del Salone nautico la nuova Darsena del quartiere fieristico presentata ieri mattina dai presidenti della Fiera, Paolo Lombardi, e dell’Autorità portuale, Giovanni Novi, alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni locali. Costata 38 milioni di euro, debutterà al prossimo «Nautico» in programma dal 7 al 15 ottobre. «Si tratta di un'opera portuale a tutti gli effetti - ha spiegato fra l’altro Novi -. Con questo progetto saremo in grado di accogliere per 320 giorni all'anno yacht di grandi dimensioni che daranno lavoro ai settori di riparazioni navali. Mentre per il tempo restante la nuova Darsena verrà messa a disposizione del Salone nautico e della città». La Darsena, che ha una superficie complessiva di 65mila metri quadrati ed è completata da un piazzale di 12500 metri quadrati, è stata realizzata in soli 18 mesi. «Gli spazi disponibili in acqua aumenteranno più del doppio - ha sostenuto dal canto suo Lombardi -. La Fiera diventerà così l'unica al mondo capace di rispondere alle necessità espositive delle merceologie più diverse. Quest'opera realizzata in tempi da record - ha aggiunto Lombardi - rappresenta una svolta in grado di garantire un futuro di eccellenza per il Salone, per il quartiere e per tutta la città». Dello stesso parere anche Anton Francesco Albertoni, presidente di Ucina, che ha sottolineato come un intervento simile permetta al Salone Nautico di accreditarsi tra le manifestazioni leader al mondo. «Non ha senso porre la domanda se quest'opera abbia sottratto spazi alla città o al porto. Non c'è alcuna contrapposizione tra le due - ha chiarito infine il sindaco Giuseppe Pericu -. perché Genova è un porto e vive di porto. La funzione della Fiera è funzionale appunto alla città stessa».