Il nuovo arredamento nei Saloni prossimi venturi

A due mesi dall'apertura della 46ª edizione del Salone Internazionale del Mobile che, unitamente a Euroluce, al Salone Internazionale del Complemento d'Arredo e al Salone Satellite, si svolgerà dal 18 al 23 aprile prossimo nel polo fieristico di Rho, si respira già aria di quel fermento creativo e di quella grande aspettativa che i Saloni offrono ormai da anni al loro variegato pubblico internazionale, che la scorsa edizione ha superato le 223.000 presenze.
Il Salone Internazionale del Mobile, e le manifestazioni ad esso collegate, sono avvenimenti riconosciuti dagli espositori quale palcoscenico esclusivo per presentare prodotti nuovi e dagli operatori quale must per fare pieno riferimento di idee e essere aggiornati su innovazione, tecnologia, cultura del progetto e tendenze. Alla base di tale successo la qualità riscontrabile nell'interesse sempre maggiore da parte delle aziende estere e nel grande impegno da parte delle aziende partecipanti, sempre più competitive nelle loro proposte. La richiesta del mercato infatti va sempre più polarizzandosi verso prodotti di alto livello qualitativo e finali soluzioni d'arredo. Quello che il consumatore chiede in maniera crescente ai prodotti - oltre alla funzionalità e qualità inappuntabili - è anche un'immagine. Ed è questa la sfida che attende le aziende. Anche per questa prossima edizione dei Saloni (mobile, luce, complemento) i numeri come sempre parlano da sé: 1950 gli espositori, di cui 245 esteri provenienti da 30 Paesi e ben più di 600 le aziende in lista di attesa, di cui 280 estere. Nel Salone Satellite, in 160 stand, espongono le loro creazioni 500 giovani designer (368 stranieri provenienti da 37 Paesi). \