Nuovo balzo di Aem a Piazza Affari

da Milano

Aem Milano ha chiuso ieri in Borsa con un rialzo del 2,25%, dopo aver toccato una crescita fino al 3,18% durante le contrattazioni. Gli scambi sono stati doppi rispetto alla media giornaliera. La Borsa «scommette sulle ipotesi di aggregazione tra Aem e Asm Brescia (che ha guadagnato lo 0,15%) e già da qualche tempo ragiona - commentava un operatore - sulle possibili sinergie». Settimana prossima dovrebbero incontrarsi i sindaci di Milano e di Brescia per una prima ricognizione sulla possibilità di fusione tra le due società e la notizia ha acceso molte aspettative, anche se probabilmente per il momento non si parlerà ancora di governance. I numeri uno dei due gruppi Renzo Capra per l’Asm e Giuliano Zuccoli, sembrano ormai concordare sull’opportunità della fusione. Da Cernobbio, dove è in corso il workshop Ambrosetti, l’ad Edison, Umberto Quadrino, sulla fusione tra Aem ed Asm Brescia ha commentato: «È una mossa che va nella direzione giusta». Intanto continuano le voci sulle possibili alleanze di Hera, la multiutility romagnola che ha una serie di contatti non solo con l’asse Torino-Genova, con la romana Acea e con le stesse Aem e Asm. E anche sui titoli di Acea ed Hera la Borsa aveva messo gli occhi nei giorni scorsi.