Nuovo «Grease» al Teatro della Luna

Il regista Bellone rivisita il musical reso celebre dalla coppia John Travolta e Olivia Newton-Jones

Ferruccio Gattuso

A dirla tutta, anche la sua storia potrebbe finire in un musical: perlomeno, ad osservare la parabola felice che lo vede seduto in platea, a soli 16 anni, per assistere entusiasta allo spettacolo di cui sarà regista solo nove anni dopo. È andata proprio così: oggi, che di anni ne ha 25, Federico Bellone è il regista di Grease, il musical reso celebre sullo schermo dalla coppia John Travolta & Olivia Newton-John, al ritorno in palcoscenico nell'allestimento della Compagnia della Rancia.
La cornice di quel successo - diretto da Randal Klaeiser nel 1978 - è ben nota: anni '50, voglia di vivere, una guerra lasciata alle spalle, teenager per la prima volta coscienti di essere una categoria libera di fare e di dire, corteggiati come bacino di acquisto di sogni rock'n'roll. E il sesso, inseguito come sogno di libertà prima ancora che come spasso dei sensi. Una rivoluzione, insomma.
Ed è in questo mondo - fatto di teddy boy con giubbotti di pelle, ragazze di buona e cattiva famiglia in gonna vaporosa, drive-in dove scambiarsi i primi baci "alla francese" - che Federico Bellone si è tuffato, con l'entusiasmo di un giovane nato nel 1981, a distanza siderale dai giorni di Danny e Sandy, della provocante Rizzo, insomma di Grease.
In cartellone al Teatro della Luna fino al 10 dicembre, Grease non è solo la ripresa di quel successo tutto italiano datato 1997, con Lorella Cuccarini stella assoluta. Si tratta di una vera e propria rinascita.
«La scenografia è cambiata, così come il cast e i costumi - spiega Bellone - Ciò che rimane immutato sono, come è ovvio, musiche e liriche delle canzoni, e quelle coreografie che proprio non si possono cambiare. Alcuni numeri di Grease sono a tal punto entrati nell'immaginario collettivo che sarebbe addirittura profano metterci mano: capita che la gente seduta in platea mimi gli stessi movimenti di quei balletti resi celebri dal potere del cinema».
Bellone questa cosa la sa bene, essendo lui stesso una "vittima" dell'incantesimo di Grease: «Quando vidi il Grease del 1997 mi interessavo già di musical, studiavo le discipline del teatro musicale - rivela -. Però quello spettacolo ebbe il potere di farmi passare dal dubbio alla certezza. Chiesi di poter fare l'assistente alla regia di Saverio Marconi, in nove anni sono passato ad aiuto regista e ora ho questa chance. Devo a Marconi praticamente tutto».
Nel curriculum di Bellone, in verità, ci sarebbe anche La piccola bottega degli orrori, che nel prossimo futuro è destinata a tornare al Teatro della Luna. «È un musical che amo, quasi quanto il mio prediletto, che è West Side Story, un classico che non invecchierà mai».
Grease, Teatro della Luna, Assago, info 199-158158, ingresso 55 e 20,50