Un nuovo partito distribuisce «Pani e pesci»

Si è costituita in questi giorni, presso uno studio notarile cittadino, l’Associazione Politica Uniti per Rapallo, che annovera fra i propri soci fondatori personalità di spicco del panorama politico rapallese e che ha eletto come presidente il dottor Roberto Di Antonio.
«Riunirsi in una associazione politica strutturata è stato lo sbocco naturale di un cammino iniziato in vista delle scorse elezioni amministrative e che ci ha portato ad avere un rappresentante in consiglio comunale come Arduino Maini del gruppo misto e, soprattutto, un nostro rappresentante in consiglio regionale come Gianni Macchiavello, capogruppo della Lista per la Liguria Sandro Biasotti - spiega il presidente Roberto Di Antonio - abbiamo sempre precisato che la nostra partecipazione alle consultazioni elettorali non costituiva episodio sporadico ma faceva parte di un progetto politico-amministrativo che sta prendendo forma e che ci è stato richiesto da un buon numero di nostri concittadini».
Proprio Sandro Biasotti, ex presidente della Regione Liguria, ha espresso apprezzamento per l’iniziativa e per il gruppo «Uniti per Rapallo», che viene ad occupare un posto ben preciso al «centro» del variegato firmamento politico di Rapallo. «Il nostro principale obiettivo - afferma Di Antonio - è inserirci maggiormente nel tessuto sociale cittadino per ascoltare la voce della gente e comprendere quali sono le esigenze di questa città in costante evoluzione. Per questo motivo siamo usciti allo scoperto e speriamo di riuscire ad aumentare in maniera profonda la nostra base».
Oltre al presidente Roberto Di Antonio, sono stati eletti il vicepresidente Guido Gigli, il tesoriere Giorgio Vecchi e il segretario Luca Peccerillo, mentre gli altri soci fondatori e componenti del consiglio direttivo sono Paolo Federici, Massimo Ferri, Nicola Ingrassia, Gianni Macchiavello, Arduino Maini, Paolo Parma, Massimo Pernigotti.
La sede dell’Associazione, presso cui è possibile iscriversi, è in via della Libertà 102. Già da un paio di mesi esce in città, anche se in maniera finora piuttosto limitata (un migliaio di copie) l’organo di informazione di Uniti per Rapallo, ovvero la testata «Pani e Pesci».