Il Nuovo Psi elegge segretario Catrambone e sogna la casa socialista con lo Sdi

Potrebbe partire dalla Liguria, la fusione, in discussione a livello nazionale, fra il Nuovo Psi e i socialisti dello Sdi. Sabato scorso il partito di Gianni De Michelis si è riunito nella storica sede di piazza della Posta Vecchia, alla presenza del membro della direzione nazionale del partito, Lucio Barani, eleggendo segretario regionale, per acclamazione, l’avvocato Gregorio Catrambone. Nel dibattito è emersa la volontà di coinvolgere le diverse istanze della società ligure nell’approfondimento dei temi all’ordine del giorno del Nuovo Psi a livello nazionale. Al congresso straordinario che il partito convocherà a ottobre, si tratterà di stabilire se sussistono ancora le condizioni per continuare l’attuale alleanza con la Casa delle Libertà o se esplorare convergenze unitarie con le altre espressioni del Socialismo. Non è escluso che i liguri presentino una terza mozione, che prospetti una posizione comune tra il Nuovo Psi e i Socialisti dello Sdi, autonoma, che, spiega una nota della federazione regionale: «Rappresenti, nel panorama politico in forte evoluzione in entrambi gli schieramenti, i valori e la tradizione del Socialismo autenticamente riformista e liberale che non può essere rappresentato da altri».