Nuovo statuto all’assemblea di fine maggio

Sarà pronto per l’assemblea annuale del 31 maggio il nuovo statuto della Banca d’Italia che dovrà recepire le novità introdotte con la nuova legge sul risparmio. È questa la «ragionevole previsione» formulata ieri da uno dei consiglieri dell’istituto, al termine della riunione mensile che «si è occupata di questioni del tutto ordinarie relative alla vita dell’istituto centrale». Il lavoro della Commissione sta andando avanti - spiegano le fonti interpellate da Radiocor - e per la prossima riunione del Consiglio (già fissata per l’ultimo giovedì di aprile) si prevede possa essere pronta una proposta su cui il Consiglio superiore potrà deliberare in vista dell’assemblea di maggio. I termini indicati nel testo della riforma a un attento esame da parte dei giuristi di Via Nazionale non sono apparsi così vincolanti e rendono possibile quindi un approfondimento della questione, cosa non sgradita al governatore Mario Draghi. Nel corso della riunione non si è parlato di concentrazioni bancarie.