Il nuovo villaggio tra curiosità e premi «sociali»

Alla fiera del gadget e delle memorabilia la Festa del Cinema sfoggia i suoi nuovi «prodotti». Come per esempio il coiffeur e il negozio dei gadget d’autore. Il nuovo villaggio della Festa del Cinema al Parco della Musica non si fa mancare proprio nulla. L’arrivo al villaggio deve coincidere con uno shock culturale: una monumentale pellicola di celluloide in ferro battuto di 30 metri, rivestita da 5000 azalee bianche illuminata da centinaia di candele. È questa la spettacolare installazione del thailandese Sakul Intakul che le star e il pubblico incontreranno proprio davanti al red carpet. Per la messa in piega da star, poi, c’è un atelier del capello griffato. Chi si vuole sbizzarrire con uno shopping «cinematografico» troverà invece una boutique ricca di borse, spille, t-shirt, quaderni tutti personalizzati dai disegni dei sogni di Fellini.
Spicca lo spazio serra che quest’anno è dedicato alla business street: «Così anche il mercato del cinema avrà una sede di riferimento qui all’Auditorium oltre a via Veneto», spiega il direttore del festival Francesca Via. Tra deposito bagagli, infopoint, biglietteria, che si aggiunge a quella interna all’Auditorium, edicola e tabacchi e video library, brilla l’area gastronomia che punta a soddisfare i palati a suon di prodotti tipici del Lazio.
Intanto il ministero per i Diritti e le Pari oppportunità ha siglato un accordo proprio con la Festa del cinema per produrre un cofanetto di tre dvd da distribuire a inizio 2008 nelle scuole della regione. Una commissione selezionarerà una terna di film tra i 20 titoli che nelle varie sezioni del festival trattano temi sociali.