Nuti in coma dopo una caduta: operato alla testa

Prognosi riservata per l’attore toscano da anni in lotta contro alcolismo e depressione

da Roma

L'attore e regista Francesco Nuti è ricoverato da ieri sera nel reparto di neurochirurgia del Policlinico Umberto I dopo essere rimasto ferito gravemente alla testa a causa di una caduta che, secondo quanto riferiscono i suoi amici, è stata accidentale. Nuti, giunto in coma all’ospedale, è stato sottoposto ad intervento chirurgico e la prognosi è riservata. «Dai medici sappiamo solo questo, non abbiamo saputo altro per ora» ha detto la sua ex compagna Anna Maria Malipiero. Nuti, che vive solo nella sua casa romana dei Parioli, dopo un lungo periodo di pausa dovuto ai molti anni di lotta con depressione e dipendenza dall'alcol, di cui lui stesso ha parlato più volte, era tornato al cinema di recente. In passato l'artista fiorentino aveva più volte minacciato di suicidarsi.
Toscano, nato a Prato il 17 maggio 1955, venne ricoverato una prima volta nel 2003: fu lui stesso a chiamare i pompieri perché si sentiva male. L'ultima cattiva notizia è del gennaio di quest'anno, quando gli viene ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza, mentre a luglio incontra i giornalisti dicendosi pronto a tornare a lavorare. Presenta un cd, Starnuti, e annuncia un nuovo film, Olga e i fratellastri Billi, con nel cast Sabrina Ferilli e Isabella Ferrari, e un One Man Show a teatro, oltre a una mostra di suoi quadri. Tra i suoi film più fortunati Madonna, ma che silenzio c'è stasera (1982) e Io, Chiara e lo Scuro (1983) che, nato come gustosa parodia de Lo spaccone con Paul Newman, gli procura grande notorietà e diventa un film cult.