Obama accusa McCain: campagna diffamatoria

Colpi bassi tra i due contendenti. McCain e la Palin: Barack amico del  "terrorista non pentito" William Ayers. Obama contrattacca: uno spot contro il repubblicano per dire che è poco incline a voler regolare il settore finanziario

Waghington - La campagna per le presidenziali si scalda, se possibile, ancora di più. Ed è scontro aperto fra candidato democratico e repubblicano. Dopo essere stato accusato dai repubblicani di essere amico di "terroristi", Barack Obama ha contrattaccato affermando che il rivale John McCain è più interessato a una campagna di diffamazione che a curare l'economia americana.

Lo staff di Obama ha presentato uno spot che indica McCain come uno dei cinque senatori del "caso Keating" che incontrarono i regolari federali per conto di un istituto di risparmio e credito che fallì nel 1989. Lo spot accusa McCain di essere poco incline a voler regolare il settore finanziario.

McCain e l'economia Mentre il candidato repubblicano perde terreno nei sondaggi, uno stratega elettorale ha spiegato alla stampa che McCain deve "voltare pagina" sulle questioni economiche e puntare piuttosto sull'esperienza e sul carattere di Obama.

"Amico dei terroristi" La nuova tattica è stata messa in campo sabato scorso, quando la vice di McCain, Sarah Palin, ha accusato Obama di "essere amico di terroristi", riferendosi alla conoscenza personale di Bill Ayers, ex membro del gruppo militante Weather Underground durante la guerra del Vietnam.

"Diffamazioni, pensi ai subprime" "Il senatore McCain e i suoi agenti stanno scommettendo sulla capacità di distrarvi con le diffamazioni piuttosto che parlarvi della sostanza", ha detto Obama durante un comizio ad Asheville, in North Carolina, uno degli stati che fanno di solito la differenza tra i candidati nelle presidenziali Usa e dove domani dovrebbe svolgersi il secondo dibattito con McCain. "Stanno cercando di abbattere la nostra campagna elettorale piuttosto che tirare su il paese", ha detto il candidato democratico.

I progressi di Obama nei sondaggi sono stati alimentati dalla percezione dell'opinione pubblica che il candidato potrebbe gestire meglio l'economia. Il senatore dell'Illinois concentra l'attenzione sull'economia e ha usato la citazione sul "cambiare pagina" proprio per mantenere viva la questione. "Stiamo affrontando la peggiore crisi economica dalla Grande Depressione, e John McCain vuole che cambiamo pagina?". Scherzando sulle accuse di Palin, Obama ha poi detto "Non lasceremo che John McCain ci distragga. Non lo lasceremo ingannarvi, e confondervi...".

La campagna di Obama ha dunque diffuso un nuovo spot che accusa l'avversario di essersi comportato in modo stravagante durante le ultime due settimane di crisi economica. McCain fu redarguito nel 1991 dal Comitato etico del Senato per "scarso discernimento" per aver partecipato a incontri con le autorità di mercato, pur affermando che il suo nella vicenda Keating fu minimo. La commissione sentenziò invece che altri tre senatori interferirono in modo improprio con l’inchiesta sulla "Lincoln Savings and Loan", il cui crollo costò ai contribuenti oltre 2 miliardi di dollari. Il capo della società, Charles Keating, fu condannato per frode.

Ma i sostenitori di McCain e il suo staff non hanno mollato intanto la presa sul caso Ayers, affermando che Obama aveva rapporti con un "terrorista non pentito", come William Ayers. Ayers era uno dei leader del gruppo Weather Underground, coinvolto in una serie di attentati negli anni '60, quando Obama aveva 8 anni. Obama lo conobbe negli anni '90, quando iniziava la propria carriera politica. Il candidato democratico ha ammesso di conoscere solo superficialmente Ayers, oggi professore alla Università dell'Illinois, e ha condannato l'operato dei Weather Underground.