Obama ha paura di perdere: "Colpa della crisi" Per aiutarlo Michelle fa la spesa al supermarket

Durante una cena elettorale a Washington il presidente ha ammesso di essere in difficoltà: "E' comprensibile che la gente sia arrabbiata a causa delle difficoltà economiche, devo
riconquistarla. Le prossime elezioni saranno difficili". Poi promette: "Restituiremo il
sogno americano agli americani". Intanto anche il carrello della spesa entra nella campagna elettorale

La First Lady è stata fotografata mentre spingeva il carrello della spesa al supermarket Tyson Corners di Alexandria (Virginia). Questo avvistamento di certo non è casuale. Fa parte della campagna elettorale di Obama. Che mai come in questo momento sente il fiato sul collo e teme di non essere rieletto. Da qui la necessità di spedire Michelle Obama in giro per l'America, cercando di dare un'immagine il più possibile rassicurante. Da persone "normali". La strategia comunicativa è questa: uscire dal guscio dorato della Casa Bianca e lasciare in disparte le guardie del corpo. Mostrarsi in pubblico mentre si fa la spesa o si mangia un hamburger... ma la politica non è solo immagine.

Obama sa bene che il perdurare della crisi economica potrebbe costargli caro, molto caro. Però vuol provarci fino in fondo. E così rispolvera l'idea di restituire "il sogno americano" agli americani. "L’economia sta uscendo da una enorme recessione mondiale e la gente è comprensibilmente arrabbiata", ha detto ieri sera, durante una cena elettorale organizzata in una casa privata a Washington. "Visitando il paese ho incontrato persone frustrate che stanno attraversando un periodo difficile", per questo, ha proseguito il presidente, le prossime elezioni "saranno difficili". Obama ha quindi spronato i suoi sostenitori: "Spero che siate pronti a un anno di duro lavoro. Non sarà facile, ma se avremo lo stesso senso dell’urgenza del 2008 non solo vinceremo le elezioni, ma restituiremo il sogno americano agli americani".

Proseguendo il suo tour elettorale in serata il presidente terrà il discorso di apertura alla cena annuale di Human Rights Campaign, gruppo per la difesa dei diritti degli omosessuali. Il discorso è atteso per le 19.20 ora locale, l'1.20 di notte in Italia. Obama non ha appoggiato apertamente i matrimoni gay - e probabilmente non lo farà mai - però sostiene le unioni civili tra persone dello stesso sesso. Ma i sostenitori dei diritti gay si aspettano qualche nuova apertura da parte della Casa Bianca.