Obama scende in capo per le olimpiadi a stelle e strisce

Video messaggio del presidente eletto ai membri del Cio per sostenere la candidatura di Chicago 2016. Le altre finaliste sono Rio, Tokio e Madrid <br />

aBarack Obama è sceso ufficialmente in campo per promuovere e spingere le Olimpiadi di casa sua, a Chicago. Lo ha fatto inviando un accorato video messaggio all’Assemblea dei Comitati olimpici europei di Istanbul . Rivolto a Jacques Rogge, ha infatti detto: “Caro presidente e cari membri del Cio, mi è impossibile essere presente ma voglio cogliere quest’opportunità per parlarvi e dirvi che credo fermamente nell’ideale olimpico. Per questo ho sostenuto a lungo la candidatura della mia città, Chicago, per ospitare le Olimpiadi e le Paralimpiadi». La metropoli statunitense è infatti una delle quattro finaliste, insieme con Madrid, Rio de Janeiro e Tokio, per l’assegnazione dei Giochi 2016. Obama ha poi aggiunto: «Nel corso degli ultimi due anni ho detto spesso di ritenere che possiamo provenire dalle zone più diverse del mondo ed avere differenti background, ma ci sono alcuni valori che ci uniscono, e che fanno parte del cuore del Movimento Olimpico: amicizia, eccellenza e rispetto reciproco».

Parole, le sue, pronunciate con la consueta abilità e con l’ormai proverbiale eloquenza. Per il presidente eletto degli Stati Uniti sarebbe un importantissimo risultato riuscire a riportare le Olimpiadi negli States: “Negli anni a venire la mia amministrazione - ha infatti spiegato - porterà un vento nuovo sul ruolo dell’America e le sue responsabilità nel mondo. Ma vogliamo incontrarci anche su obiettivi condivisi da tutti, e lavorare assieme. Le Olimpiadi ci ricordano che è possibile unire il mondo nella gioiosa celebrazione dei successi che l’essere umano riesce a raggiungere. Per questo gli Stati Uniti sarebbero onorati di avere l’opportunità di tornare ad ospitare i Giochi e di servire il movimento olimpico». Quindi, il messaggio conclusivo: “Come Presidente eletto io vedo Olimpiadi e Paralimpiadi come un obiettivo da raggiungere per il nostro paese, accogliendo il mondo nella nostra terra e rinforzando i vincoli d’amicizia con il resto del pianeta”.