Obama vince in Georgia Primo in altri otto Stati

da Washington

Barack Obama ha vinto in Georgia. Il candidato afroamericano s’è aggiudicato le primarie nello Stato del Sud, il primo a chiudere i seggi. E sarebbe primo in altri otto Stati: secondo gli exit poll anticipati dal sito Drudge Report nella notte il senatore nero dell’Illinois vincerebbe con alte percentuali. Obama sarebbe avanti in due Stati del nord est dove Clinton si sentiva sicura, in New Jersey per 53% contro 47%, in Connecticut per 53% contro 45%. Ma Obama vincerebbe anche in Massachusetts con 50% contro 48%. E negli Stati «neri» del sud: in Georgia addirittura con il 75% contro il 26% di Clinton. In Alabama con il 60% contro il 37% di Clinton. Vincerebbe anche in Arizona con il 51% contro il 45% di Clinton, e in Delaware con il 56% contro il 42% di Clinton; in Missouri con il 50% contro il 46% di Clinton. E vittoria, ovviamente, nel suo Illinois con il 70% contro il 30% di Clinton. Ma la senatrice di New York Hillary Clinton, sempre secondo Drudge Report, sarebbe in testa in California e nello Stato di New York. Clinton sarebbe in testa con il 50 per cento dei voti contro il 47 per cento di Obama. A New York il margine è di 56% contro il 43% del senatore dell’Illinois. Clinton ha vinto con quasi il 50 per cento di margine nello Stato dove il marito è stato governatore, l’Arkansas. Ha superato Obama anche in Oklahoma (61% a 31%) e in Tennessee (52% a 41%).
Obama aveva comunque già ottenuto un primo risultato positivo. Un responso arrivato da lontano, dall’Indonesia, dove ha ricevuto il 75 per cento dei voti espressi da un centinaio di statunitensi che hanno votato a Giakarta per le primarie.