Obbliga ragazza di 13 anni a fare sesso coi suoi amici

da Foggia

Un ragazzo di 16 anni costringeva la sua fidanzatina di 13 anni, che frequenta la scuola media, a subire e compiere atti sessuali con altri ragazzi mentre il tutto veniva ripreso e fotografato con videofonini e scambiato tra amici. È accaduto in un centro della provincia di Foggia, dove la polizia è riuscita a individuare sei presunti responsabili, tutti tra i 16 e i 17 anni, che sono stati collocati in una comunità penale o agli arresti domiciliari. La vicenda è venuta alla luce grazie a un professore che ha visto una delle immagini di cui la ragazza era protagonista sul telefonino di un ragazzo e ha avvertito l'ufficio minori della questura. A quanto si è appreso, gli incontri e le violenze avvenivano in appartamenti ai quali volta per volta i ragazzi potevano accedere liberamente. Non l’unica sordida storia venuta fuori in questi giorni. Anche in questo caso vittima una minorenne, maltrattata e umiliata dai genitori e da uno zio. Importante ancora il lavoro della scuola e degli insegnanti a cui la ragazzina ha chiesto aiuto. Nel corso delle indagini, il magistrato ha accertare la responsabilità del padre della ragazza, l'autore dei maltrattamenti, e non solo verbali, al limite dell'abuso arrestandolo. Arresti domiciliari, invece, per la madre che non avrebbe impedito l'atteggiamento del consorte e di uno zio della vittima.