«Obbligato al turn over, ma almeno c’è Aquilani»

In vista dell’Inter Spalletti rinuncia a Pizarro e Taddei

A Palermo ma con la testa altrove. Dura dare motivazioni alla sfida di questo pomeriggio contro i rosanero. A quattro giorni dalla finalissima di coppa Italia contro l’Inter e con il secondo posto ormai certo l’impegno può esser definito eufemisticamente «scomodo». A tal punto che ieri si è parlato soprattutto della disputa tra Lega e Viminale sull’orario di inizio della partitissima di mercoledì. E il mister è stato categorico, certe sfide «vanno giocate sempre in notturna». Perché «per come si è comportato il pubblico romano quest’anno meriterebbe più fiducia».
Sulla stessa linea anche la moglie di Franco Sensi, Maria, che ieri mattina ha partecipato con il prefetto Achille Serra in Campidoglio alla cerimonia per le nomine dei Cavalieri della Roma. «Così si penalizzano i tifosi, non possiamo essere responsabili per ciò che accade fuori dagli stadi. Si penalizza soprattutto la gente che ha già comprato i biglietti e quelli che lavorano». Appoggia la decisione del ministero invece il prefetto: «Lavoro per il Viminale - s’è limitato ad osservare - non è una cosa che ho deciso io ma non si può mettere bocca su ciò che ha deciso il Viminale». Serra s’è invece detto d’accordo sull’ipotesi di affidare alle società la gestione della sicurezza negli stadi («sarebbe un aiuto in più per l’ordine pubblico» e ha invitato all’impegno di tutti per isolare le frange dei tifosi violenti: «ci vuole l’impegno della società, che già lo fa, l’aiuto della tifoseria sana che cerchi di isolare questi violenti anche con l’aiuto, nei limiti del possibile, della magistratura».
Capitolo Palermo. E qui Spalletti deve recitare la parte di chi tiene al match. «Quando si scende in campo l’obiettivo sono sempre i tre punti. Totti, nonostante non abbia recuperato al 100% è nella lista dei convocati così come Aquilani che sarà in campo dopo un lungo infortunio. Il ragazzo merita di giocare partite importanti».
Non prenderanno parte alla trasferta siciliana Taddei, Chivu, Pizarro e Tonetto, un bel turn over di fine stagione: «Sono a riposo precauzionale ma il rischio che non possano giocare mercoledì c’è. Anche Wilhelmsson si è fermato in allenamento, ci sarà da valutare bene anche lui».
Dopo la vittoria del Milan all’Old Trafford cresce tra i tifosi il rammarico per la sciagurata sconfitta: «Mi fa enormemente piacere che il Milan abbia passato il turno - conclude il mister -, ma le due cose non sono accostabili. Se avessimo avuto del tempo in più come lo ha avuto il Milan avremmo preso delle indicazioni maggiori. I rossoneri sono stati bravi a capire la gara e a fermare i contropiedi del Manchester. Io ci ho ripensato attentamente e secondo me la nostra è stata una partita che sarebbe finita così in ogni caso. Si è visto dagli episodi che era una partita segnata».