«Le obbligazioni spazzatura hanno rendimenti elevati»

Grandi chance per chi può sopportare rischi

da Milano

Massimo Greco, responsabile dell’asset management di Jp Morgan Italia. «È vero, diciamolo in maniera un po’ cruda: i momenti di crisi possono permettere a chi è ricco di diventare ancora più ricco. Perché le opportunità si rivolgono a chi può permettersi di sopportare un rischio. Opportunità ce ne sono tante già oggi, ma va fatta una selezione attenta, con l’ausilio di professionisti capaci. Vedo buone occasioni. Meglio negli Stati Uniti che in Europa: per due motivi. Perché il sistema, Oltreatlantico, è più avanti di qualche mese in termini di ciclo economico, ma avanti anni luce in termini di comprensione e di sicurezza. Che cosa ci può essere di attraente su quel mercato? In termini speculativi, ovvero per cavalcare la situazione, vedo dei forti sconti sui «junk bond»: prezzi bassi, rendimenti elevati. Il rischio è quello dell’insolvenza della società. Ma è connesso al loro nome, «spazzatura»: si sa cosa si compra. Tuttavia, col rendimento corrente all’inizio è possibile anche tollerare qualche insolvenza. Nel settore bisogna avventurarsi solo con un paniere, un fondo dedicato. Quanto agli altri settori, i titoli azionari tradizionali (escludendo per ora quelli finanziari, troppo volatili) hanno valutazioni estremamente convenienti dal punto di vista storico, qualsiasi parametro si adotti per giudicarli. Su tutti i mercati, a cominciare da New York. Al gestore, poi, il compito di scegliere i titoli giusti. Un altro settore che intuibilmente darà soddisfazioni a chi ha un po’ di pazienza, è quello delle obbligazioni convertibili: buona parte hanno premio nullo o negativo. Significa che la futura partecipazione azionaria è gratuita».