Obiettivo cinquemila abbonati

Enrica Suzzi

da La Spezia

Il primo colpo è stato ad effetto: un calciatore giovane, volenteroso di affermarsi, di quelli che hanno voglia di lottare. Lui, Maa Boumsong, la grinta ce l'ha nel sangue. Antonio Soda, il mister della promozione in cadetteria dopo 55 anni trascorsi dagli aquilotti tra quarta serie e C, è ben felice dell'acquisto.
Il presidente Pino Ruggieri e il direttore generale Rocco Russo, attivissimi sul mercato e pronti a raccogliere le indicazioni e i suggerimenti di Ceravolo, per dodici anni dirigente juventino, e oggi consulente di mercato dello Spezia, hanno fissato delle priorità. Eccole: prima di tutto ottenere il sì da Crotone e Albinoleffe per la prosecuzione del prestito di Giuliano e Gorzegno, arrivati a gennaio, e grandi protagonisti della cavalcata degli aquilotti. I due calciatori vogliono restare. Poi gli acquisti: tre calciatori nel mirino. Il portiere Paoletti (dall'Udinese), quindi il difensore Scarlato dal Crotone (già a Napoli e Torino), e quindi un attaccante, con Carparelli e Dionigi nel mirino e Nello Russo proposto dall'Inter, che ne detiene il cartellino.
Sul fronte partenze, considerando anche la necessità di tesserare non più di 22 calciatori professionisti, come da disposizioni federali già definite quelle di Ciarcià (torna al Crotone), Groppi (Triestina), Pessotto e il terzo portiere Locatelli (fine contratto). Non mancano le richieste per gli attaccanti spezzini, Guidetti e Varricchio. Per la società, però, sono incedibili e non verrà aperta alcuna trattativa. E il Pavia sta spingendo per avere Addona e Bruccini. Anche in questo caso, però, lo Spezia non sembra intenzionato a lasciarli andare. Se dovesse arrivare Paoletti, dovrebbe lasciare lo Spezia uno dei portieri, Rotoli o Rubini. Da valutare anche la posizione di Guariniello.
Sta per partire, intanto, la campagna abbonamenti: il sogno dello Spezia è di avere uno zoccolo di cinquemila abbonati. Sarebbe un record, ma chissà che la B non favorisca il miracolo.