«Un’occasione di confronto»

Bersan Bisultavon dimostra più della sua età. Poco meno che 20enne, lui partecipa a uno scambio culturale che tutela lo studio di ragazzi particolarmente capaci che vivono in aree toccate dalla guerra. «Sono consapevole della grande opportunità di studiare e viaggiare all’estero. Anche se la situazione nel mio Paese sta migliorando, le condizioni di studio sono ancora pessime e il confronto con i ragazzi europei, italiani e stranieri che vivono qui, è importante». Con un sorriso amaro, aggiunge: «Solo quattro o cinque anni fa, un’esperienza di questo tipo sarebbe stata impensabile: voglio credere che il futuro riservi a noi ceceni qualcosa di meglio». Giura di voler imparare al più presto l’italiano e subito cerca informazioni sullo Smau, la grande fiera informatica di Milano.