Occupare le case private in disuso? Il Comune «insiste»

Per Majorino è una misura antidegrado Ma dopo le polemiche corregge il tiro

L'assessore al Welfare la buttà lì, e scatena un putiferio. «In questi giorni - ha scritto su Facebook - sto incontrando alcune realtà legate ai percorsi di occupazione e autogestione degli spazi. Discutiamo di questioni legate a dare un tetto a chi è senza casa. Mi pare che in diverse di quelle esperienze ci sia una volontà assolutamente positiva per la città. Sono contrario alle occupazioni delle case popolari, anche quando estranee al racket. E al contempo non posso non vedere che nelle nostre aree metropolitane alcune esperienze si stanno radicando in luoghi privati in disuso. Lì, ci piaccia o meno, svolgono una funzione anti-degrado. Credo sia bene iniziare a parlarne apertamente». Il centrodestra lo contesta, e lo richiama piuttosto a far liberare spazi comunali occupati abusivamente, come Macao. Majorino (come l'ex assessore Castellano nel 2011 sul tema occupazioni) corregge il tiro e parla di «concessione temporanea di spazi in disuso».