Occupate le sedi della Croce Rossa

I lavoratori della Croce Rossa Italiana - quasi 1.700 persone - stanno occupando, in forma permanente, le sedi regionali e provinciali dell’organizzazione (complessivamente 170), per protestare contro il mancato pagamento delle competenze accessorie in busta paga. Ad indire la protesta - riferisce Angelo Cosentino, responsabile aziendale della Cgil - sono tutti i sindacati che nelle prossime ore i sindacati intendono indire uno sciopero. Il personale della Cri è in stato di agitazione da circa tre mesi. Al centro della vertenza, il mancato pagamento delle competenze accessorie, ossia gli incentivi e gli arretrati per i passaggi di livello: si tratta di una cifra media per dipendente che va da 8mila a 15mila euro.