Occupazioni abusive: Fi chiede una sanatoria

Abusivi nelle case popolari, come risolvere il problema? "Regolarizzare
alcune categorie di occupanti". Proposta del gruppo di Forza Italia a
Palazzo Marino, maturata durante la seduta di ieri della
sottocommissione Occupazioni abusive

Abusivi nelle case popolari, come risolvere il problema? «Regolarizzare alcune categorie di occupanti». Proposta del gruppo di Forza Italia a Palazzo Marino, maturata durante la seduta di ieri della sottocommissione Occupazioni abusive. «Di fronte alla situazione in città - ha detto l’azzurro Guido Manca - serve il coraggio politico di una sanatoria, a patto che non si tratti di una sanatoria indiscriminata». Dello stesso avviso il presidente della sottocommissione, il forzista Armando Vagliati: «Ora che abbiamo raccolto tutti i dati necessari, ascoltando i gestori degli alloggi pubblici, possiamo preparare una delibera d’indirizzo che indichi a Comune e Regione la strada giusta da percorrere. Bisogna definire, infatti, le categorie di inquilini che per reddito e per altre condizioni dovrebbero essere regolarizzate».
Tutto ancora da chiarire, dunque, ma già si scatena il dibattito politico. Tuona Matteo Salvini (capogruppo della Lega Nord in Comune): È una roba da matti. Premia i furbi e punisce 15mila persone oneste in attesa di una casa. Siamo pronti alle barricate». Contrario anche il vicesindaco Riccardo De Corato: «Stiamo attenti, la sanatoria non cura la malattia. Rischia semmai di aggravare il male perché giustificando la posizione degli abusivi, potrebbe innescare una reazione a catena, incentivando nuove occupazioni. Le occupazioni sono una priorità del tavolo con la Prefettura». E pure Carmela Rozza (Pd) avverte: «Ci metteremo di traverso, il reddito o il numero di figli non sono criteri adeguati». I numeri del fenomeno, del resto, parlano chiaro: nel 2007 Aler ha effettuato 162 sgomberi e sventato 650 intrusioni tra sgomberi e interventi in flagranza, su un patrimonio di 41mila appartamenti. Rivela il direttore di Aler Domenico Ippolito: «Rispetto al dicembre 2006, quando gli alloggi occupati risultavano essere 2.726, il saldo degli irregolari nel 2007 sarebbe più 132. Ma sono 708 le occupazioni non andate a buon fine. Anzi, nei prossimi due anni - anticipa Ippolito - 186 case saranno gioco forza liberate, causa lavori di ristrutturazione degli immobili».