Occupazioni, domiciliari per D’Erme

Il Tribunale del riesame ha disposto gli arresti domiciliari per il consigliere comunale Nunzio D’Erme, Guido Lutrario e altri tre disobbedienti (Giovanna Cavallo, Andrea Alzetta e Fabrizio Nizzi). E l’obbligo di firma per altri due no-global. Per i giudici, gli esponenti di Action costituiscono una vera e propria associazione a delinquere quando occupano gli immobili dismessi per darli a chi è senza casa. La decisione è arrivata dopo un rimpallo durato mesi tra i vari uffici giudiziari. Le misure cautelari non sono immediatamente esecutive perché gli indagati hanno ancora la possibilità di ricorrere in Cassazione. Immediate le reazioni dell’opposizione capitolina. Il candidato sindaco per la Cdl Gianni Alemanno chiede a Veltroni di prendere posizione su D’Erme.